SECONDA CAT. POL.ISILI-SARDARA 1983 2-0

25/01/2015
Calcio | LND
Pubblicato da Bachisio Pirisi

10748748_776647335741756_2131289229_n

Chi ha smesso di seguire la squadra da tempo, vuoi per ragioni personali o per amore della squadra solo quando la squadra staziona a certi livelli, oggi ha perso l’occasione per vedere una partita vera.

Una partita fatta di sofferenza, di sfortuna, di fortuna, di battaglie fisiche e mentali, di sacrificio e alla fine anche di qualche lacrima. Tutti elementi che rendono unico questo splendido sport.

Il Sardara giunto oggi al comunale, forse convinto di fare un solo boccone dei rossoblù di casa, ha peccato di presunzione e psicologicamente ha reso più forte l’Isili che prima in maniera confusa e poi pian piano sempre più convinto di potercela fare, ha dato tutto, meritando ampiamente la vittoria.

A dirla tutta, i segnali c’erano già stati nelle recenti uscite e negli altri casi la fortuna e altri dettagli, non avevano aiutato gli uomini di Putzu/Melis, che invece oggi, la fortuna se la sono andata a cercare, strappando letteralmente ogni pallone dai piedi degli avversari.

In tutto questo si è inserito il direttore di gara che concede tre rigori. Tutti quanti ai più apparsi inesistenti.

Lo sono stati sicuramente quelli concessi al Sardara e dei quali, la compagine campidanese oggi in un’orrenda maglietta color evidenziatore/arancio, non è riuscita a cavarne nulla considerato che il primo è stato calciato fuori ed il secondo è stato parato magistralmente da Meloni oggi tornato quasi ai suoi livelli.

Non lo ha sbagliato invece Andrea Casu che a metà ripresa ha dato la carica ai compagni che a dieci minuti dalla fine raddoppiano grazie a Zedda, che con freddezza trafigge il portiere ospite.

Grande festa e soddisfazione al termine della gara per giocatori, dirigenti e tifosi. Quasi una liberazione, per una vittoria che premia l’Isili e riapre il discorso salvezza con ancora tutto il girone di ritorno da giocare.

Chiusura di articolo dedicata a Sebastiano Meloni che oggi a soli 15 anni, ha esordito in prima squadra.

Ecco, in questo freddo pomeriggio a Isili c’è stato anche questo. Il sacrificio dei più anziani ai quali è seguito l’esordio di Meloni e l’ingresso in campo anche oggi di Pirisi (16 anni), a conferma che il calcio non finisce mai e che a Isili i progetti a lunga scadenza daranno i frutti sperati.

Da segnalare infine la prestazione di Andrea Casu, oggi migliore in campo.

Prossimo impegno ancora in casa domenica 1° febbraio contro l’Armungia.

Forza Isili

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizie Correlate

UFFICIALE – MIRKO ATZENI E’ ROSSOBLU

UFFICIALE – MIRKO ATZENI E’ ROSSOBLU

Parte col botto la campagna acquisti della Polisportiva Isili, che poche ore fà si è aggiudicata le prestazioni di Mirko Atzeni, talento nurrese del Sarcidano, finalmente in rossoblù, per un matrimonio che prima o poi si sarebbe realizzato. Difensore arcigno, sicuro e...

STAGIONE CALCISTICA AL ROMPETE LE RIGHE.

STAGIONE CALCISTICA AL ROMPETE LE RIGHE.

La data del 30 giugno, ha sancito la fine della stagione calcistica della nostra Società e come sempre in questi giorni, è tempo di bilanci che permettono di esaminare il lavoro fatto, i risultati conseguiti ed essere pronti a programmare una nuova annata. La prima...

TORNEO GIOVANILE. NUMERI DA RECORD

TORNEO GIOVANILE. NUMERI DA RECORD

Calato il sipario sulla XXI^ edizione del torneo di calcio giovanile Cìttà di Isili che si è svolto tra lunedì 10 e domenica 16 giugno. Un'edizione tra le più riuscite degli ultimi anni, con  ben 84 squadre di piccoli calciatori a rappresentare le 36 società che hanno...

GIOVANISSIMI – LA SCONFITTA NON MACCHIA IL RISULTATO STORICO

GIOVANISSIMI – LA SCONFITTA NON MACCHIA IL RISULTATO STORICO

Grande è stata la delusione al fischio finale dell’arbitro, al termine della finale tra le vincitrici dei rispettivi gironi del campionato provinciale Giovanissimi, andata al Sinnai che ha avuto la meglio sull’Isili per 6-2. Un 6-2 che, a dirla tutta, umilia troppo...

GLI ALLIEVI SONO IL FUTURO MA ANCHE TANTO PRESENTE

GLI ALLIEVI SONO IL FUTURO MA ANCHE TANTO PRESENTE

Nel calcio si parla sempre del futuro dei ragazzi e delle squadre in tempi in cui i numeri della situazione demografica regionale e non solo, sono da ritenere quanto meno preoccupanti. Le stesse ansie che si vivono a Isili, con la squadra che milita nel campionato di...

Sponsor

Sponsor