L’ISILI CALCISTICA RIABBRACCIA IL SUO PRESIDENTE – IL TESTO DEL DISCORSO DEI FAMILIARI

22/06/2022
Calcio | Comunicati Sociali | Eventi | Notizie
Pubblicato da Bachisio Pirisi

E’ stata una cerimonia semplice quella che si è svolta venerdì a Isili sulle tribune del campo sportivo.

Semplice come lui, anzi probabilmente, fosse stato per lui, sarebbe dovuta essere anche meno sfarzosa.

Alla presenza delle figlie Carla, Silvia e Roberta, l’Amministrazione comunale, ha inaugurato la statua posizionata al centro delle tribune del campo sportivo, raffigurante Giovanni Dessì, Presidente dell’US Isili che a cavallo tra la fine degli anni 70 e l’inizio degli anni 80 aveva raggiunto altissimi livelli nel calcio dilettantistico isolano, fino a disputare un campionato di serie D nazionale.

Ad applaudire mentre il telo pian piano andava giù fino a scoprire l’opera d’arte commissionata dall’Amministrazione comunale, i familiari, tanti ex giocatori dell’Isili di allora, molti sportivi isilesi e simpatizzanti del calcio oltre ad altri cittadini isilesi e del circondario, che hanno voluto cosi ringraziare idealmente Dessì, per tutti, Giuannedda, per quanto ha fatto per il movimento calcistico del paese.

Passione, dedizione, serietà e grandi competenze, ne avevano fatto un Presidente rampante e ambizioso, che era riuscito a coronare il sogno della conquista della serie D, dopo lo spareggio vinto al Quadrivio di Nuoro contro il Fertilia.

L’amore per i colori rossoblù lo aveva travolto, stimolato ma anche distrutto e quando la mattina del 10 maggio del 1981, in un terribile incidente stradale nei pressi di Sassari, perse la moglie Teresina in viaggio verso il capoluogo turritano per assistere all’incontro Torres-Isili, finì non solo la favola di una squadra amata e seguita da migliaia di persone, ma sopratutto la vita gioiosa e spensierata di Giovanni che pian piano si fece da parte, seguendo però sempre con grande passione e discrezione le sorti della squadra di calcio del suo paese da quell’angolo lungo la statale 128 che costeggia il campo sportivo.

Ora a rivolgere lo sguardo verso il terreno di gioco del campo sportivo, c’è la sua statua e idealmente c’è ancora lui che immaginiamo insieme alla moglie Teresina e i figli Gianna e Sandro.

Un’opera che lo rappresenta in maniera degna, opera dello scultore Franco Cabiddu.

Uno sguardo fiero e rassicurante, esattamente com’era il suo quando ancora era in vita.

“Abbiamo ritenuto dover rendere il dovuto tributo a chi ha fatto tanto per il nostro paese”, sono state le parole del sindaco Luca Pilia che commosso ed emozionato ha quasi avuto difficoltà a elaborare il suo discorso.

E al grazie dell’Amministrazione comunale, della popolazione e di chi lo amato, non si poteva sottrarre la Polisportiva Isili, figlia inevitabile della passione calcistica che Giovanni ha insegnato a tutti.

Grazie Giovanni, grazie Giuannedda

 

Riportiamo qui di seguiti e col suo consenso le parole che la figlia Carta ha pronunciato nel corso dell’inaugurazione:

BUONASERA. APPREZZIAMO DI CUORE IL RICONOSCIMENTO CHE IL SIGNOR SINDACO, L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LA POLISPORTIVA ISILI HANNO VOLUTO OFFRIRE A NOSTRO PADRE E SIAMO FELICI DI CONDIVIDERE QUESTO EVENTO CON TUTTI VOI.

BABBO AMAVA IL CALCIO, CON IL QUALE ERA CRESCIUTO COME TANTI DELLA SUA GENERAZIONE, E QUESTO AMORE, CON IL TEMPO SI E’ TRASFORMATO IN PASSIONE. QUESTA GLI HA DATO L’OPPORTUNITA’ E IL PRIVILEGIO DI POTER REALIZZARE UN SOGNO CHE SAREBBE RIMASTO TALE SE NON AVESSE INCONTRATO LA PASSIONE E L’ENTUSIASMO DEI SUOI COMPAESANI.

RICORDIAMO QUEI TEMPI CON GIOIA.

QUANDO SI GIOCAVA IN CASA, DURANTE IL PRANZO, ARRIVAVANO I GIOCATORI, UNO DOPO L’ALTRO FINCHE’ LE SEDIE NON BASTAVANO PIU’.

I PENTOLONI DI THE CHE SERVIVANO PER DISSETARE LA SQUADRA DURANTE LA PARTITA.

POI IL TIFO, LE VITTORIE CHE SI SUSSEGUIVANO E UN SOGNO CHE DIVENTAVA REALTA’.

POI LA FATALITA’. UNA TRAGEDIA PER LA NOSTRA FAMIGLIA. IL DISASTRO.

ERA DURA, MA GIUANNEDDA NON HA MAI PERDUTO LA PASSIONE PER IL SUO CALCIO E ANCHE SE NON AVEVA PIU’ IL CORAGGIO DI ENTRARE IN QUEL CAMPO, NON RIUSCIVA A STARGLI LONTANO.

LUI NON VOLEVA NULLA PER SE MA AVREBBE DESIDERATO UN SEGNO PER SUA MOGLIE, FORSE PER RIMEDIARE A SUO MODO A CIO’ CHE AVEVANO PERSO I SUOI FIGLI.

ERA CONTENTO CHE IL SUO CALCIO NON SI FOSSE DIMENTICATO DI LUI E LUCA, LA POLISPORTIVA CON IL SUO PRESIDENTE E I SUOI CALCIATORI DI QUEGLI ANNI, NON PERDEVANO OCCASIONI PER COINVOLGERLO E STARGLI VICINO E PER QUESTO VI RINGRAZIAMO.

ERA CONTENTO CHE LA POLISPORTIVA E GIANNI SI PRODIGASSERO PER LO SPORT CHE RITENIAMO ESSERE UN VALORE AGGIUNGO NELLA VITA DEI NOSTRI BAMBINI CHE CRESCONO.

LO SPORT DI SQUADRA METTE IN PRATICA TUTTI QUEI VALORI CHE LA FAMIGLIA, LA SCUOLA E GLI ENTI EDUCANTI INSEGNANO, PERCHE’ QUEL MURATORE DA SOLO, AVREBBE FATTO BEN POCO SE NON CI FOSSERO STATI GLI ISILESI A CONDIVIDERE QUESTA AVVENTURA.

QUESTA E’ STATA LA RICETTA VINCENTE, UN ESEMPIO A CUI ATTINGERE.

GRAZIE E COME UN TEMPO…… FORZA ISILI

 

1 commento

  1. Gianluigi Crabu

    Un saluto particolare a Carla, Silvia e Roberta.
    Un pensiero mai sbiadito a Teresina, che da bambino mi regalava delle cioccolate uniche.
    Un ideale abbraccio a Gianna e Sandro sempre nei miei pensieri.
    Un grazie a Giuannedda che mi ha regalato il sogno di ogni ragazzino, vedere la squadra del proprio paese confrontarsi con formazioni che, ai tempi, solo a nominarle faceva tremare i polsi.
    Ma noi, eravamo li, o sul nuraghe o, ancora abbarbicati sugli alberi di fico che costeggiavano i binari della ferrovia.
    Complimenti a tutti quelli che hanno reso possibile questo doveroso tributo ad una persona schiva ma innamorata del proprio paese.
    Oggi Babbo avrebbe compiuto 100 anni, magari Giuannedda è li con il suo sorriso sornione a fargli gli auguri, “A chent’annos su Maistru Crabu”.

    Rispondi
Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizie Correlate

TORNEO GIOVANILE. NUMERI DA RECORD

TORNEO GIOVANILE. NUMERI DA RECORD

Calato il sipario sulla XXI^ edizione del torneo di calcio giovanile Cìttà di Isili che si è svolto tra lunedì 10 e domenica 16 giugno. Un'edizione tra le più riuscite degli ultimi anni, con  ben 84 squadre di piccoli calciatori a rappresentare le 36 società che hanno...

GIOVANISSIMI – LA SCONFITTA NON MACCHIA IL RISULTATO STORICO

GIOVANISSIMI – LA SCONFITTA NON MACCHIA IL RISULTATO STORICO

Grande è stata la delusione al fischio finale dell’arbitro, al termine della finale tra le vincitrici dei rispettivi gironi del campionato provinciale Giovanissimi, andata al Sinnai che ha avuto la meglio sull’Isili per 6-2. Un 6-2 che, a dirla tutta, umilia troppo...

PRIMA CATEGORIA AL ROMPETE LE RIGHE.

PRIMA CATEGORIA AL ROMPETE LE RIGHE.

Si è chiuso domenica scorsa a Senorbì il campionato dell'isili, impegnata nel girone B del campionato di Prima categoria. Un sesto posto conclusivo che non può che lasciare soddisfatta la Società che ha investito bene e con criterio sulla rosa. Rosa peraltro...

LA POLISPORTIVA PIANGE GIOVANNI MARROCCU

LA POLISPORTIVA PIANGE GIOVANNI MARROCCU

Apprendiamo con grande tristezza la notizia della morte di Giovanni Marroccu, illustre concittadino, persona di elevate qualità morali e grande appassionato di calcio, sport al quale aveva dato tanto negli anni passati. Ci stringiamo al dolore dei familiari ed...

Sponsor

Sponsor